Messaggio

Viva l'Italia!, Roberto Rossellini

Roberto Rossellini è stato uno dei registi più amati e conosciuti del cinema italiano del Novecento. Autore di capolavori come Roma città aperta o Paisà, veri manifesti del neoralismo, in occasione del centenario dell'Unità, nel 1861, girò un film molto noto, Viva l'Italia!

La pellicola è un omaggio alla figura di Giuseppe Garibaldi e all'epopea dei suoi Mille volontari del 1860. La narrazione prende le mosse dalla rivolta siciliana dell'aprile del 1860 e si conclude all'indomani dell'incontro tra il generale e il re Vittorio Emanuele II, con la camera che indugia su un Garibaldi che momentaneamente abbandona il campo, ma giura di tornare sulla scena per liberare Roma.

Seppur la sceneggiatura in alcuni passaggi risulti "agiografica" del generale nizzardo, l'opera ha rappresentato, soprattutto dal punto di vista dei costumi e delle ambientazioni, un'importante novità nella cinematografia sul Risorgimento.

Il generale Garibaldi ha l'aspetto di Renzo Ricci, Bixio è affidato a Paolo Stoppa. La produzione fu italo-francese e la pellicola distribuita in molti Paesi nelle traduzioni spagnola e inglese. Al di là dei differenti giudizi che si possono esprimere sulla ricostruzione storica effettuata da Rosselini, il film rappresenta comunque una pietra miliare della cinematografia italiana.

Per poter vedere le prime scene del film, clicca qui.